pesto di fave e mandorle

Pesto di fave e mandorle

Pensavate che il pesto in Liguria si facesse solo con il basilico?

C’è chi lo fa, in questa stagione, anche con le fave, e con il profumo della menta spontanea nei prati

Io, che non posso fare a meno della frutta secca, vi propongo questa versione: pesto di fave e mandorle

Dolce e delicato, riceve sapidità dall’aggiunta di Parmigiano grattugiato, senza perdere le sue caratteristiche.

Attenzione alla preparazione: il pesto di fave e mandorle ha bisogno di qualche passaggio preciso per risultare perfetto

Questo è il pesto di fave e mandorle di Primo non Sprecare

Tempo di preparazione 20 – 30 minuti – Difficoltà bassa

Pesto di fave e mandorle, gli ingredienti per 4 persone

  • 200 grammi di fave già sgranate (il doppio se da sgranare)
  • 2 manciate di mandorle con la pellicina
  • 40 grammi di Parmigiano reggiano grattugiato
  • Qualche foglia di menta fresca
  • 6 cucchiai di olio e.v.o. buono e delicato
  • Sale

Pesto di fave e mandorle, la ricetta

  1. Sgranate le fave e lavatele velocemente sotto l’acqua corrente. Se fossero molto grandi e dure potete scegliere di sbucciarle ulteriormente, dopo averle tolte dal baccello, o lessarle per pochi minuti, raffreddandole subito dopo nell’acqua gelata
  2. Pulite le foglie di menta e sminuzzatele, usando un coltello di ceramica, o un coltello in acciaio dalla lama ben fredda, riposta in precedenza nel freezer
  3. Mettete le mandorle in una padella antiaderente e, sena altro condimento, fatele tostare a fuoco moderato, mescolando quasi in continuazione. Sono pronte quando si comincia a sentirne il profumo
  4. Frullate le mandorle tostate, lasciandole con una consistenza granulosa
  5. Versate le mandorle in un altro contenitore, e mettete nel frullatore le fave, il Parmigiano, l’olio, e frullate questi ingredienti insieme fino a ottenere una crema morbida
  6. Unitela alle mandorle e completate con la menta tagliuzzata

Il pesto di fave e mandorle è pronto, ricco di profumi.

IL CONSIGLIO IN PIÙ

Questo pesto à adatto per condire la pasta, ma è ottimo anche spalmato sui crostini di pane

Fuori stagione, potete preparare il pesto di fave e mandorle usando le fave surgelate

In alternativa alla menta, potete profumare il pesto con della scorza di arancia o di limone grattugiata

E cosa ne facciamo dei baccelli? Noi, che cerchiamo sempre di non sprecare, possiamo scegliere se friggerli in pastella, o usarli per una vellutata di verdura. L’importante è lavarli molto bene prima

CONSERVAZIONE E RECUPERO

Il pesto di fave e mandorle si conserva bene per tre o quattro giorni in frigorifero, chiuso in una scatola ermetica. Non è adatto al congelamento

Trovate questa mia ricetta anche sul sito Non Sprecare

8 pensieri su “Pesto di fave e mandorle”

  1. Ciao Paola, che buono questo pesto. A me piacciono le fave solo se sbucciate due volte. Hai usato un tecnico perfetto, sminuzzare la menta, le fave e le mandorle separatamente per ottenere la consistenza perfetta per ogni ingrediente.

  2. Mi sembra che questa sia una bella e gustosa ricetta.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

    P.S.: In questo momento qui c’è un nubifragio con vento e grandine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.