arrosto speziato alla viennese

Arrosto agli aromi

L’arrosto agli aromi è un secondo piatto facile e leggero

La sua ricetta arriva dalla cucina della mia famiglia, dove era chiamato, chissà perchè, arrosto alla viennese

Un arrosto facile perchè deve tutta la sua bontà al riposo con gli aromi giusti

Un arrosto leggero perchè non pretende troppo condimento

Un arrosto in casseruola, così che il forno resta libero

Si può scegliere, dal macellaio, un buon arrosto di vitello che risulti magro e tenero: perfetti il codino o il rotondino. Ma è ottimo anche preparato con la carne di manzo

Infine, è l’arrosto perfetto per quando avete ospiti: il suo profumo e il suo sapore insoliti lo rendono sempre molto apprezzato

Questo è l’arrosto agli aromi di Primo non Sprecare

Tempo di preparazione 5 minuti il giorno prima + 15 minuti – Tempo di cottura 1 ora circa – Difficoltà bassa

Arrosto agli aromi, ingredienti:

  • 1 pezzo di carne da arrosto di vitello o manzo
  • ½ litro di vino bianco secco
  • 1 costa di sedano
  • 1 carota
  • 1 cipolla
  • 3 chiodi di garofano
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglie di alloro
  • 1 noce moscata
  • 1 manciatina di foglie di prezzemolo
  • 5 cucchiai di olio evo
  • 1 pacchetto di panna (ottima anche quella vegetale)
  • Sale, pepe

Arrosto agli aromi, preparazione

  1. Il giorno prima: prendete la carne e strofinatela bene con il sale e, se volete, un po’ di pepe, adagiatela in un contenitore ben capiente con il coperchio, mettete intorno tutti  i sapori profumati, irrorate con il vino bianco
  2. Chiudete ermeticamente e mettete in frigo. Ogni tanto, se vi ricordate, muovete un po’ il contenitore di modo che tutto si insaporisca in modo uniforme.
  3. Il giorno dopo: in un tegame dai bordi alti e molto capiente, perché la carne dovrà starci comoda, scaldate l’olio, mettete l’arrosto e fatelo dorare tutto intorno, girandolo spesso
  4. Quando l’arrosto sarà ben rosolato, bagnatelo con il vino della marinata, che aggiungerete un po’ alla volta per dargli il tempo di scaldarsi bene, e infine versate tutte le verdure
  5. Coprite e lasciate cuocere per 40 – 45 minuti, a seconda dello spessore della carne, girando un paio di volte e badando solo che non si attacchi al fondo.
  6. Quando la carne è cotta, estraetela dal tegame
  7. Eliminate chiodi di garofano, noce moscata e alloro, travasate in un contenitore più piccolo e più stretto il fondo di cottura e, aiutandovi con il frullatore a immersione, riducete tutto a una crema. Attenzione al sedano: i suoi filamenti sono difficili da sminuzzare, eventualmente toglieteli
  8. Diluite la salsa ottenuta con la panna, rimettetela nel tegame
  9. Affettate l’arrosto e componetelo nei piatti, o nel piatto di portata
  10. Scaldate la salsa , nappate generosamente la carne e servite subito

IL CONSIGLIO IN PIU’

Potete preparare questo arrosto in anticipo, anche di qualche ora. In questo caso, conservatelo fasciato in un foglio di alluminio. Al momento di servirlo, scaldate la salsa e immergete per qualche minuto le fette di carne, di modo che si scaldino bene

Raccomando la varietà delle spezie, fondamentali per dare all’arrosto il suo profumo particolare

CONSERVAZIONE E RECUPERO

L’arrosto agli aromi, con la sua salsa, si conserva due giorni in frigorifero, chiuso in un contenitore ermetico. Oltre, la carne è perfetta per preparare polpette o dei ripieni. La salsa è molto buona anche per condire la pasta.

Vino: Pinot Nero

Il Castello del Belvedere a Vienna

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

10 pensieri su “Arrosto agli aromi”

  1. Devo assolutamente provare al più presto!
    L’arrosto è sempre un po’ una scommessa … ma io non ho mai usato il vino bianco, dunque ora mi spiego il motivo di alcuni arrosti non esattamente morbidissimi …

    1. Confermo che l’arrosto è sempre un po’ una scommessa. Lasciarlo a marinare aiuta a rendere tenera la carne. E non lesinare sui grassi, che ci fanno tanta paura ma, ahimè, aiutano …

  2. secondo me l’ammollo nel vino, e la varietà degli aromi, è fondamentale. lo faccio nel vino rosso per il coniglio alla ligure, proverò con l’arrosto

  3. Pingback: Ma tu che cucini per Natale? | Primo, non sprecare

I commenti sono chiusi.