baci di dama salati

Baci di dama salati

I baci di dama sono deliziosi e originali dolci creati da un pasticciere di Tortona, per accontentare, si dice, una richiesta del re Vittorio Emanuele II.   

La loro forma originale ne permette infinite versioni, inclusa quella salata, molto adatta a scatenare la fantasia.

La prima volta che li ho assaggiati, offerti da un’amica, sono rimasta per un momento confusa: ma come, dei baci di dama con l’aperitivo? Non avevo capito che erano baci di dama salati!

Perchè ….

I baci di dama salati sono golosi stuzzichini perfetti da offrire con l’aperitivo

Ne avevo già suggerito una ricetta preparata con i funghi champignon.

Questi nuovi baci di dama salati richiedono un pochino più di tempo nella preparazione ma, assomigliando molto alla versione dolce, permettono di sbizzarrirsi nella farcitura

Questi sono i baci di dama salati di Primo non Sprecare

Tempo di preparazione 1 ora incluso il riposo della pasta – Tempo di cottura 10 – 15 minuti – Difficoltà medio-bassa

Baci di dama salati, ingredienti per circa 15 baci di dama (30 biscotti da comporre in coppia)

  • 100 grammi di farina 0 o 00
  • 100 grammi di farina di mandorle
  • 80 grammi di burro a temperatura ambiente
  • 80 grammi di Parmigiano reggiano grattugiato
  • 1 cucchiaio circa di vino bianco secco
  • Sale

Baci di dama salati, procedimento

  1. Ricordatevi di estrarre per tempo il burro dal frigo, per questa ricetta non è consigliabile farlo sciogliere nel forno a microonde
  2. Mettete in una ciotola le due farine, il Parmigiano, poco sale, il burro morbido, un cucchiaio di vino bianco, e cominciate a impastare il tutto.
  3. Il risultato finale deve essere un impasto morbido ma bene incordato, ovvero che non si appiccica alle mani. Se fosse troppo asciutto, aggiungete pochissimo vino bianco.
  4. Fasciate l’impasto nella pellicola o, meglio, in un sacchetto di plastica per alimenti, poi lavabile e recuperabile. Lasciatelo riposare almeno mezz’ora
  5. Trascorso questo tempo, riprendete l’impasto e dividetelo in circa trenta palline della stessa dimensione. Il peso ideale è di circa sette, otto grammi l’una, e le prime volte consiglio di aiutarsi con la bilancia
  6. Accendete il forno a 150°
  7. Appoggiate un foglio di cartaforno su una teglia ampia e appoggiare le palline, un po’ distanziate, schiacciandole sulla superficie di modo che si formi la tipica forma a cupola del bacio di dama
  8. Infornate e controllate dopo otto, dieci minuti: la cottura è molto veloce e possono bruciare facilmente
  9. I baci di dama salati sono cotti quando iniziano appena a dorarsi
  10. Estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare completamente i baci di dama prima di farcirli

Ecco qualche idea per la farcitura dei baci di dama salati:

  • Robiola con semi di papavero o carota dolce tritata
  • Philadelphia con erba cipollina sminuzzata o granella di nocciole
  • Gorgonzola cremoso con granella di noci
  • Ricotta frullata con mortadella

.. e quanto altro la fantasia (e, sempre in linea con primo non sprecare quanto avete a disposizione in casa) vi suggerirà

IL CONSIGLIO IN PIÙ

Visti i tempi di raffreddamento da rispettare, che possono essere abbastanza lunghi, consiglio di preparare i baci di dama salati con un giorno di anticipo

CONSERVAZIONE E RECUPERO

I baci di dama salati si conservano un paio di giorni in frigorifero, chiusi in una scatola ermetica. Il loro tempo di conservazione è dipendente da quello della farcitura

Trovate questa mia ricetta anche sul sito Non Sprecare

13 pensieri su “Baci di dama salati”

  1. Presente 🙋‍♀️ li ho mangiati davvero buoni, la tua versione salata sembra stuzzicante 💋🤩

I commenti sono chiusi.