uova ripiene con pinoli e menta
Antipasti,  Verdure e uova

Uova ripiene con pinoli e menta

Le uova, che straordinaria risorsa in cucina! Si prestano a essere cucinate in mille modi diversi, e sono tutti buoni, oltre a essere indispensabili come aggregante.

Sfatiamo anche il timore che contengano troppo colesterolo: per questo basta modularne la quantità, oppure scegliere di cuocere bene il tuorlo, come in queste uova ripiene con pinoli e menta.

Tempo di cottura 15 minuti (per rassodare le uova e tostare i pinoli) – Tempo di preparazione 10 minuti – Difficoltà Bassa

Ingredienti

per circa quattro porzioni di uova ripiene servite come antipasto:

  • 6 uova
  • 20 grammi di pinoli
  • 4 cucchiai di Parmigiano reggiano grattugiato
  • 10 foglie di menta tenere + qualcuna per decorare
  • 5 foglie di basilico
  • Olio evo
  • Sale

Procedimento

Come preparare le uova ripiene:

  1. Porre nel freezer le lame del frullatore
  2. Mettere le uova in un pentolino e coprirle con acqua fredda, farle cuocere 10 minuti a partire dal bollore, poi raffreddarle immediatamente scolandole dall’acqua di cottura e ponendole in una ciotola con acqua e ghiaccio
  3. Tostare velocemente i pinoli in un pentolino antiaderente, muovendoli in continuazione per non rischiare di bruciarli
  4. Recuperare dal freezer le lame, versare nel bicchiere del frullatore le foglie di menta e di basilico, i pinoli, un bel pizzico di sale.
  5. Frullare ad alta velocità per sminuzzare il tutto
  6. Aggiungere il Parmigiano grattugiato e l’olio, frullare ancora, quanto basta per ottenere una crema morbida.
  7. Sgusciare le uova ormai fredde, tagliarle a metà nel senso della lunghezza, mettere i tuorli nel frullatore e gli albumi allineati su un piatto.
  8. Frullare il tutto, aiutandosi ancora con un po’ di olio per mantenere la cremosità del composto
  9. Con questo composto farcire l’incavo degli albumi: usare un cucchiaio o una tasca da pasticcere. Guarnire con piccole foglie di menta
  10. Servire a temperatura ambiente

Le uova ripiene sono molto gradevoli durante la stagione calda, soprattutto come antipasto, da proporre con qualche grissino fatto in casa.

Si conservano non più di un giorno in frigorifero, quindi attenzione a prepararne la quantità corretta.

In alternativa ai pinoli, si possono usare le mandorle, e in questo caso non è necessario tostarle.

René Magritte – Variante della tristezza

4 commenti