croissant salati

Croissant salati ripieni

I croissant salati ripieni sono un’idea semplice, ma di grande effetto, per recuperare (e valorizzare) un piccolo avanzo di verdura

Questi cornetti salati sono perfetti in molte occasioni: sono uno squisito finger food per l’aperitivo, un gradevole spezza fame, e vanno benissimo come sana e nutriente merenda per i bambini.

Non richiedono molto lavoro, ma danno davvero tanta soddisfazione

E per rimanere in tema, sono un perfetto esempio di piatto antispreco, dove l’avanzo di difficile recupero diventa goloso protagonista.

In questo caso si trattava di un pugno di spinaci già lessati, che ho diluito con la ricotta e reso più appetitosi con dei croccanti pinoli

Quanto alla sfoglia, è ovviamente possibile usare quella pronta, ma io preferisco sempre la sfoglia senza burro fatta in casa, sfoglia leggera all’olio buona, sana ed economica.

C’è un piccolo trucco per avere una sfoglia senza burro molto croccante: impastare con acqua ghiacciata

Tempo di preparazione 30 minuti – Tempo di cottura 20 minuti – Difficoltà medio bassa

Gli ingredienti per circa 10 croissant salati

  • 200 grammi di farina 00
  • 2 cucchiai di olio e.v.o.
  • 2 pizzichi di sale
  • 250 grammi circa di acqua ghiacciata
  •  
  • 1 pugno di spinaci già lessati (150 grammi circa freschi)
  • 2 – 3 cucchiai di ricotta
  • Sale
  • Noce moscata
  • Pinoli

Ricetta dei croissant salati farciti agli spinaci:

  • Impastate la pasta sfoglia light amalgamando farina, olio, sale e l’acqua ghiacciata, ovvero acqua naturale dove avrete sciolto qualche cubetto di ghiaccio
  • Preparate un impasto ben incordato, morbido ma sodo e che lascia le mani pulite
  • Avvolgete la pasta nella pellicola o in un sacchetto per alimenti (entrambi si possono poi recuperare) e fatela riposare fuori dal frigorifero per almeno mezz’ora.
  • Il tempo del riposo è necessario affinchè la maglia glutinica si sviluppi e permetta poi di stendere la sfoglia molto sottile e molto facilmente
  • Nell’attesa, preparate il ripieno dei cornetti salati: mettete nel frullatore gli spinaci con la ricotta e la noce moscata, frullate tutto insieme, regolate di sale, e infine unite i pinoli, che devono rimanere interi
  • Trascorso il tempo del riposo, riprendete la pasta, non impastatela più! (altrimenti dovrebbe riposare di nuovo) e stendetela con il mattarello. Datele una forma rotonda e tiratela molto sottile
  • Accendete il forno statico a 180°
  • Con un coltello bene affilato (io mi trovo bene con quello di ceramica) dividete il disco di pasta in una decina di spicchi più o meno della stessa grandezza, e su ogni spicchio posate un cucchiaio di ripieno
  • Arrotolate partendo dalla base più larga, per finire con la punta: avrete così la forma perfetta dei croissant
  • Trasferite i cornetti salati in una teglia foderata con la cartaforno, e cuocete per circa 15, 20 minuti, finchè la pasta on avrà assunto un bel colore dorato
  • Sfornate i croissant, e lasciateli intiepidire

I croissant salati ripieni sono pronti per essere gustati, tiepidi o a temperatura ambiente

IL CONSIGLIO IN PIÙ

Questi cornetti salati, squisiti con gli spinaci, sono un’idea valida tutto l’anno perché si preparano anche con altre verdure (zucchine, asparagi, carciofi, zucca, funghi, erbette) oppure con formaggi fondenti e saporiti come gorgonzola o fontina. La fantasia suggerirà come completarli con erbe profumate o spezie a piacere

I pinoli sono facoltativi, e si possono sostituire con altra frutta secca spezzettata, come noci, nocciole o mandorle

CONSERVAZIONE E RECUPERO

I croissant salati ripieni si conservano per un paio di giorni fuori dal frigorifero, ma sono così golosi e leggeri che il problema della conservazione, in genere, non si pone.

Se avanza della pasta sfoglia, si conserva ben chiusa in un sacchetto per alimenti, per tre o quattro giorni in frigorifero e per un tempo molto lungo nel freezer. Conviene sempre prepararne in esubero per averne sempre pronta da scongelare.

Trovate questa ricetta anche sul Blog di Irene –  Viaggi da Mamme

Il consiglio di lettura non ha nulla a che vedere con la ricetta, ma potete prevederlo per i momenti di relax che l’estate, spero, ci regalerà. Uno dei libri più divertente che io abbia letto

8 commenti