torta al formaggio
Pane,  Riciclo degli avanzi,  Torte salate

Torta al formaggio marchigiana

La Torta (Crescia) al formaggio è una saporita torta che, nelle Marche e in Umbria, si prepara per Pasqua.

Voi mi direte: ma Pasqua è passata! Vero, ma chi mi conosce sa che sono sempre in ritardo. L’ho cucinata dopo, e devo ringraziare i miei amici Fiorella e Ferruccio che me l’hanno fatta conoscere e mi hanno spiegato come si fa.

L’ho preparata usando il lievito madre, con rinfresco fatto il giorno precedente e molte ore di lievitazione.

Tempo di preparazione 30 minuti, a partire dal giorno primaTempo di cottura 40 – 50 minuti Difficoltà media

Gli ingredienti della Crescia al formaggio:

  • 100 grammi di lievito madre già rinfrescato
  • 450 grammi di farina 0
  • 3 uova
  • Mezzo bicchiere di latte
  • 1/3 di bicchiere di olio evo
  • 1 cucchiaino di sale
  • pepe
  • 70 grammi circa di pecorino stagionato grattugiato
  • 70 grammi circa di Parmigiano reggiano grattugiato (almeno 24 mesi di stagionatura)
  • 50 grammi circa di emmenthal tagliato a dadini

Procedimento per preparare la Crescia al formaggio con il lievito madre:

  1. Il giorno precedente, nel pomeriggio, prelevate 40 grammi di lievito madre, eseguite il rinfresco impastandolo con 20 grammi di acqua e 40 grammi di farina. Lasciate riposare in una ciotola coperta per qualche ora
  2. Al momento di preparare l’impasto, cominciate sbattendo insieme le uova con il latte e l’olio, e aggiungendo poi i formaggi grattugiati per ottenere una miscela omogenea.
  3. Versate questa miscela nella ciotola con il lievito, amalgamate bene, quindi aggiungete man mano la farina, il sale e una macinata di pepe.
  4. Otterrete un impasto molto morbido, da continuare a lavorare finchè non si presenterà omogeneo e liscio.
  5. Lasciatelo lievitare tutta la notte in un posto riparato dalle correnti, come il forno spento.
  6. La mattina successiva, riprendete l’impasto, che sarà lievitato un po’, trasferitelo sulla spianatoia, praticate un’apertura al centro, versate l’emmenthal a cubetti, e lavorate l’insieme per distribuire il formaggio in modo uniforme.
  7. Mettete l’impasto nello stampo dove andrà cotto (io ho usato uno stampo da plum cake, ma la tradizione ne vorrebbe uno da panettone)
  8. Fate lievitare ancora qualche ora, coperto con uno strofinaccio, sempre in un posto riparato
  9. Accendete il forno a 180°, inserite subito la Crescia e lasciatela cuocere indisturbata per circa mezz’ora. Se la superficie si dovesse colorare troppo, copritela con un foglio di alluminio. Controllate la cottura dopo 40 minuti, facendo la prova stecchino.
  10. Fate raffreddare nel forno spento, di modo che lo sbalzo termico sia molto graduale. Infine gustatela in accompagnamento ai salumi, senza dimenticare un buon vino rosso.

La Crescia al formaggio si può preparare più semplicemente con il lievito di birra.

In questo caso, si incomincia preparando la crema di uova, latte e formaggi nella quale si scioglie un cubetto di lievito. Si procede con l’aggiunta della farina e del formaggio a cubetti, si trasferisce nello stampo di cottura e si lascia lievitare almeno due o tre ore.

La sapidità del piatto dipende dal formaggio usato, fate quindi attenzione al momento di aggiungere il sale.

La Crescia al formaggio si consuma con affettati o formaggi, ma è ottima come pane di accompagnamento per tutto il pasto, e si conserva morbida e saporita per due o tre giorni.

Ancora una volta la tradizione ci insegna come l’attenzione a non sprecare sia sempre stata molto viva: questo pane raccoglie formaggi diversi, e nulla vieta di usare qualche avanzo rimasto in frigorifero.

Se vi piacciono le ricette al formaggio, provate anche:

la focaccia al gorgonzola

le gougères

Paesaggio umbro:

Veduta dell’Umbria

6 commenti