plum cake salato con coste di bietola
Recupero degli scarti,  Torte salate

Plumcake salato con coste di bietola

Quando si acquistano le bietole, verdure squisite e, a mio avviso, indispensabili in un buon minestrone, ci si può trovare costretti a scartarne le nervature centrali bianche, oppure la parte finale, se queste sono troppo grandi e dure. Scartarle? Ma che dico?

Recuperiamole e facciamo un bel plum cake salato con coste di bietola


Gli ingredienti per 4 – 5 persone:

  • Scarti di uno o due mazzi di bietole
  • 3 uova
  • 100 grammi di ricotta
  • 4 cucchiai colmi di Parmigiano reggiano grattuggiato
  • 1 spicchio d’aglio
  • 3 cucchiai di olio evo
  • Santoreggia, erba cipollina
  • Sale

Tempo di preparazione: 10 minuti + 10 minuti

Tempo di cottura: 15 minuti + 30 minuti nel forno
 
Lavate molto bene gli scarti delle bietole, soprattutto la parte finale può nascondere tracce di terra, poi lessatele in acqua salata (ci vorranno pochi minuti).

Scolatele, tritatele molto grossolanamente e fatele insaporire in un tegame con l’olio e lo spicchio d’aglio, a fuoco dolce e mescolando spesso per farle bene insaporire. Anche questo passaggio, comunque, richiede pochi minuti.
In un piatto fondo sbattete velocemente le uova, aggiungete la ricotta schiacciandola bene, il parmigiano e un pochino di sale. Infine completate con la santoreggia tritata e l’erba cipollina tagliuzzata.

La santoreggia, con il suo leggero sentore di limone, smorza un pochino l’amarognolo delle bietole, menyre l’erba cipollina addolcisce.

Accendete il forno statico a 200 gradi – oppure a 220 gradi ventilato
Foderate con la cartaforno ben bagnata e strizzata uno stampo da plum-cake (operazione non necessaria se ne usate uno in silicone, come faccio io), versate il composto e passate in forno finchè la superficie non è ben rappresa e dorata.

Lasciate intiepidire prima di sformare, pena il possibile sbriciolamento del composto, ma è ottima anche servita fredda.

Si può proporre come antipasto, e in questo caso consiglio di tagliarla a dadini, come piatto di mezzo e rinforzo, oppure in famiglia come un nutriente secondo piatto.


Come sempre quando la verdura non è più intera, diventa molto deperibile. Raccomando quindi di lavorare questi scarti, anzi, tutti gli scarti, prima possibile. E’ sufficiente farli bollire, poi si possono conservare due o tre giorni in frigorifero e preparare la ricetta con comodo.


15 commenti