Ossobuco alla milanese
Non Sprecare,  Secondi di carne

Ossobuchi alla milanese

Gli ossobuchi alla milanese, con la profumata “cremolada” sono un piatto classico della cucina lombarda, molto semplici da preparare.

Il loro successo sta tutto nella ottima qualità della carne, che deve essere di vitello, e nel tempo di cottura: non bisogna avere fretta.

Tempo di preparazione 20 minutiTempo di cottura 1 ora abbondanteDifficoltà: medio – bassa

Gli ossobuchi alla milanese vogliono cuocere lentamente, così da diventare tenerissimi e succulenti.

L’intingolo in cui cuociono deve essere mantenuto molto morbido e cremoso con attente, regolari aggiunte di brodo. Più questo sarà abbondante e più ricco risulterà il piatto.

Il profumo particolare che li rende così appetitosi è dato (oltre che dall’alta qualità di tutti gli ingredienti) dalla “cremolada”: un trito finissimo fatto con scorza di limone, prezzemolo e aglio da sciogliere all’ultimo momento nel fondo di cottura.

In genere si calcola un ossobuco a testa, perché la tradizione vuole che siano serviti con un risotto allo zafferano oppure con un morbido purè di patate. Se siete delle buona forchette, preparatene uno e mezzo o due a testa, ma senza esagerare: l’ossobuco riscaldato non dà il meglio di sé.

Vi raccomando di cucinare gli ossobuchi alla milanese almeno una volta prima che arrivi il caldo!

La mia ricetta e tutti i dettagli per la loro preparazione sono su Non Sprecare.

Non Sprecare

4 commenti