La quiche svuotafrigo

La Quiche svuotafrigo

La Quiche è un vero classico della cucina d’oltralpe, e forse non tutti sanno che non esiste una ricetta unica, ma che diverse regioni della Francia ne hanno una versione particolare.

Possiamo approfittare della ricetta di partenza per prepararla secondo il nostro gusto, oppure per utilizzare qualche piccolo avanzo che abbiamo nel frigorifero, avanzo limitato per costituire una porzione, ma adeguato a completare un ripieno. Così, non sprechiamo, e anzi arricchiamo la nostra quiche.

Tempo di preparazione 30 minuti – Tempo di cottura 40 minuti – Difficoltà bassa

Ingredienti per la pasta brisée

  • 200 grammi di farina (quella che preferite)
  • 100 grammi burro
  • acqua
  • 1 cucchiaino raso di sale

Ingredienti per la salsa royale

  • 2 uova
  • 1 bicchiere di latte
  • 1 bicchiere di panna (ottima, e più leggera, quella vegetale)
  • Sale, pepe, noce moscata

Ingredienti per la farcitura

  • 1 grossa cipolla
  • 100 grammi di pancetta
  • 100 grammi di emmenthal
  • 4 cucchiai di olio evo
  • vino bianco

Quiche svuota frigo, procedimento

  1. Per prima cosa preparate la pasta brisée, impastando la farina con il burro (otterrete un composto in briciole) e aggiungendo acqua fino ad avere un impasto morbido e sodo. Fatelo riposare per almeno mezz’ora in frigorifero, e anche di più se avete tempo
  2. Affettate la cipolla, tagliate il prosciutto e il formaggio a dadini
  3. Scaldate l’olio in una padella larga, unite le fettine di cipolla, fatela rosolare appena prestando attenzione che non bruci.
  4. Aggiungete la pancetta che, scaldandosi, rilascerà la parte grassa, e bagnate con il vino bianco, che lascerete evaporare. Spegnete il fuoco.
  5. Riprendete la pasta, lavoratela velocemente per ammorbidirla, infine stendetela in una sfoglia sottile, con la quale foderare una tortiera di circa 25 cm. di diametro.
  6. Un piccolo trucco per facilitare questo passaggio? Stendete la pasta su un foglio di cartaforno, poi sollevate la cartaforno e appoggiatela alla tortiera: la sfoglia resta perfetta!
  7. Accendete il forno a 200°
  8. Riempite con la farcitura.
  9. Preparate la salsa royale, sbattendo insieme tutti gli ingredienti, e versatela sul ripieno
  10. Rifinite i contorni della quiche e mettetela in forno per circa 30 minuti: è pronta quando la superficie appare rappresa e la pasta di un bel color biscotto
  11. Servitela calda (non bollente) o a temperatura ambiente. E’ un perfetto secondo piatto o, in mini porzioni, un antipasto.

Trovate la mia ricetta anche sul sito Non Sprecare, e non perdetevi in fondo tutti i suggerimenti per fare della Quiche un vero piatto svuotafrigo.

10 pensieri su “La Quiche svuotafrigo”

  1. Ormai tengo il frigo vuoto, così non spreco e spesso mi riduco la sera a constatare che è vuoto e non so cosa preparare 🤦🏻‍♀️ che disdetta! E dire che ci sono persone che pianificano il menù settimanale, io ogni giorno mi ripeto, cosa mangiamo questa sera? Finirà mai quest’agonia?

      1. 🤣🤣🤣 allora diciamo che non sarà mai realizzabile! Mi porterò l’agonia sul groppone!
        Perché sostieni che il menù settimanale è uno dei pilastri del non sprecare? Io lo vedo come una imposizione standardizzata di quello che si deve mangiare, un’obbligo per niente piacevole, adoro cambiare seppur con limitazioni di gusti x i bambini e certo non preparo 4 pietanze diverse, ma ieri sera un fegatino con contorno di cipolle, wow, da paura, ma i bimbi nulla, ovetto strapazzato. E se mi viene voglia di mangiare altro mentre sto seguendo un menù settimanale? No, mi sa troppo di limitativo! Però ci voglio provare, anche se di primo acchito mi da un po’ l’impressione di una dieta, quindi , frustrante! Vediamo!
        Buona domenica

        1. Io lo vivo al contrario: imposto un menu settimanale che tenga conto dell’equilibrio alimentare carboidrati/proteine/vegetali, e su quella base faccio la spesa. Ovviamente nulla mi vieta, e succede, di cambiare programma in corso d’opera, e recuperare poi, la settimana dopo, gli eventuali avanzi. I bambini quanti anni hanno?

I commenti sono chiusi.