Milano Food Week, che c’è di nuovo?

Cari amici e followers di questo blog che con pazienza mi leggete, mi supportate e mi fate tanta compagnia, sapete una cosa? Siete, anzi siamo, proprio all’avanguardia!

Sapete perché? Si è appena conclusa, a Milano, la settimana dedicata al cibo. Cardine di tutto è stata la fiera internazionale TuttoFood, riservata ai contatti per affari, ma i numerosissimi incontri che si sono succeduti ogni giorno, a qualcuno dei quali ho partecipato, avevano un unico argomento: contrastare lo spreco del cibo. E voi siete preparatissimi!
Dibattiti e showcooking, tenuti da chef stellati e molto noti, avevano il comune denominatore di imparare a rispettare tutte le risorse, a riutilizzarle, a non sprecarle.

Le mie conclusioni? Oggi sprecare cibo non dovrebbe essere più tollerabile, nelle case come fuori, ma la cultura in merito è ancora profondamente rudimentale, per non dire che manca del tutto. L’opera quotidiana e costante del singolo individuo non è da sottovalutare, ma se vogliamo vedere un deciso cambiamento di tendenza, dobbiamo pretendere che sia organizzato a livello istituzionale. Ricordiamocelo, e facciamo scelte corrette.

showcooking antispreco alla Milano Food Week
Showcooking antispreco alla Milano Food Week (immagine dal web)

17 pensieri su “Milano Food Week, che c’è di nuovo?”

  1. Con una ciotola di riso in bianco avanzatami dal giorno prima (cucinato perché ero stata male) ho preparato uno sformato di riso al forno. Ho versato in una pentola un barattolino di salsa di pomodoro, a cui ho aggiunto una confezione di piselli in scatola e il riso, un po’ di pizzottella, il formaggio grattugiato. Ho messo il tutto in una pirofila imburrata, un quarto d’ora in forno a 180 gradi e la cena è stata pronta. Tutto buono. Odio sprecare il cibo.

  2. Mi piace che la sensibilità ecologica si stia sempre più diffondendo. Anche nell’ambito del cibo. Base comunque del nostro vivere.

  3. Avevo letto qualcosa d’interessante sul riciclo “non è importante che qualcuno faccia bene al 100%, ma che tutti facciano il loro meglio”… Anche in questo caso penso vada benissimo!

  4. Conosci l’app “too good to go” contro lo spreco alimentare di negozi e supermercati? Ci siamo contagiati a vicenda coi miei amici e ora la usiamo molto.

    1. Sì, l’ho sentita presentare durante questa settimana, in un incontro allo Iulm e durante la ricerca Metro. Ancora non l’ho sperimentata, e questa tua osservazione mi incoraggia. Ma c’è già in Francia?

  5. Assolutamente d’accordo: sprecare è un sacrilegio. Io recupero tutto. Con il pane raffermo ci faccio il pan cotto o la torta di pane. I legumi li presento come zuppa con crostini e poi l’avanzo lo trasformo in vellutata. A volte esagero con il pesce e allora l’indomani porto a tavola deliziose polpette. Che ne dici? Sono abbastanza brava? 😉

I commenti sono chiusi.