L'importanza di evitare lo spreco alimentare

Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: conclusioni

La settima Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare si è conclusa.

Mi sembra interessante tirare le conclusioni, e capire cosa ne è emerso.

Bene, le notizie sono confortanti: stiamo imparando, si spreca meno!

Secondo l’osservatorio Waste Watcher 2020, ogni famiglia italiana spreca mediamente 75 grammi di cibo al giorno, cibo sprecato perché scaduto o perché lasciato nel piatto. Lo scorso anno la media era di 100 grammi al giorno, vediamo quindi un miglioramento che, in percentuale, rappresenta il 25%. Mica male!

Non solo: aumenta il numero delle persone che collegano il non sprecare con maggiore salute e maggiore sostenibilità ambientale, e questo è verissimo in quanto non sprecare cibo vuol dire consumare meno acqua, meno combustibile, meno imballaggi.

Infine, si moltiplicano le iniziative volte a recuperare il cibo non consumato, sia quello che avanza nei supermercati e nelle mense scolastiche, sia quello che rimane dopo banchetti e feste diverse.

Che dire? Continuiamo così!

Seguiamo il “Decalogo per Risparmiare” suggerito dalla Fondazione Barilla

  • Fai una spesa ragionata: prima di comprare, controlla cosa serve davvero, fai una lista – e attieniti ad essa –  e ricorda che sprecare cibo vuol dire buttare via dei soldi
  • Quando cucini, fai attenzione alle quantità e cucina solo ciò che puoi consumare
  • Fai attenzione all’etichetta: guarda sempre quando scadono i cibi
  • Quando riponi i prodotti in frigorifero, metti i cibi a breve scadenza davanti e riponi in freezer i cibi che non puoi mangiare a breve
  • Ricette contro lo spreco: non buttare via avanzi e scarti alimentari, possono dare vita a nuovi piatti creativi (qui ne trovate tantissime, nota mia)
  • Prodotti freschi e di stagione: privilegia l’acquisto dal produttore
  • Hai comprato troppo cibo? Condividilo con i tuoi vicini di casa o invita degli amici per mangiare insieme
  • Al ristorante: se ti avanza del cibo chiedi di portare a casa gli avanzi in un pacchetto
  • “Da consumare preferibilmente entro il…” vuol dire che gli alimenti risultano ancora idonei al consumo anche successivamente al giorno indicato. Verifica bene prima di buttarli
  • Usa la tecnologia e cerca le app che ti aiutano a sprecare meno cibo.

E ascoltiamo le parole di qualcuno che non si discute, Piero Angela

… se poi volete qualche idea in più, c’è il mio Gusto

Elaborazione grafica di Elena, che ringrazio

14 pensieri su “Giornata Nazionale contro lo Spreco Alimentare: conclusioni”

  1. A casa mia sono io il “divoratore” degli avanzi, che generosamente gli altri due mi lasciano per il giorno dopo.

    Times Square è una buona scelta per pubblicizzare il libro.

  2. Bellissimo articolo. A mio modo cerco di seguire le indicazioni per evitare di buttare cibo. Ho la fortuna di poter fare la spesa giorno dopo giorno prendendo esattamente quello che mi serve. Così ho il frigorifero con il necessario. Poche cose fresche o a scadenza limitata. Buona giornata cara 🐞

I commenti sono chiusi.