News e chiacchiere

Giornata Mondiale dell’Acqua

Oggi, 22 marzo, è la Giornata Mondiale dell’Acqua, questo elemento vitale, il più importante, che dobbiamo davvero imparare a rispettare.

Mi piace molto pensare che noi beviamo la stessa acqua che bevevano i dinosauri: la quantità presente sulla Terra è, infatti, una quantità finita, che continua a girare nell’instancabile ciclo di evaporazione e pioggia.

Purtroppo, questo ciclo non si preoccupa di conservarla alle condizioni migliori per soddisfare la nostra sede: l’acqua salata, l’acqua inquinata non fa al caso nostro.

I cambiamenti climatici incidono quindi moltissimo in questa differenziazione, e se non ci decidiamo ad affrontarli e, almeno, tentare di risolverli, fra non molti anni aumenteranno notevolmente le aree della Terra costrette alla siccità, con tutto quello che ne consegue: mancanza di raccolti, mancanza di igiene.

Prendo a prestito le indicazioni del prof. Andrea Segrè, che cito molto spesso per la sua lungimiranza, il quale si sofferma su due piccoli, fondamentali passaggi, solo apparentemente lontani dal problema principale:

  • Lo spreco del cibo, che corrisponde a uno spreco delle risorse idriche usate per produrlo: il 3% dell’acqua usata in agricoltura viene sprecato in questo modo
  • Lo spreco domestico: il 20% dell’acqua viene usata in casa, prestiamo quindi attenzione a chiudere il rubinetto mentre ci insaponiamo le mani (ora che dobbiamo lavarle spesso e a lungo!), mentre ci spazzoliamo i denti, insomma ogni volta che è possibile.

E per un ulteriore approfondimento, vi invito a leggere l’editoriale di Antonio Galdo su Non Sprecare

Ogni giorno dovrebbe essere vissuto come La Giornata Mondiale dell’acqua!

La grande onda di Kanagawa di Hokusai, 1830


4 commenti